Come creare il guardaroba capsula

L’idea del guardaroba capsula non è recente, è nato negli anni ’70 grazie a Susie Faux. Più avanti, a metà degli anni ’80, Donna Karan ebbe l’idea dei 7 pezzi facili (Seven Easy Pieces) e riportò in auge il guardaroba capsula grazie ad una sfilata geniale dove 8 modelle, ad inizio sfilata, indossavano solo un body nero e collant. Di volta in volta, venivano poi indossati gli altri capi creando così decine di look solamente abbinandoli in modo diverso.

Nel guardaroba capsula vanno scelti un certo numero di indumenti tutti abbinabili tra loro per nuance e stile, la lista può variare in base alle reali esigenze della persona. La regola fissa è che gli abiti del guardaroba capsula devono essere di ottima qualità. Questo non significa che debbano per forza essere costosi, ma è abbastanza ovvio che una maglia di un buon filato e di ottima fattura durerà molto di più.

guardaroba capsula donna karan

Errori nel guardaroba capsula

C’è chi segue alla lettera le regole che trova in libri, riviste e su internet. Personalmente credo che queste regole non possono essere giuste per tutte, ma prese come spunto. I capi vanno scelti in base alle nostre reali esigenze e ai nostri gusti, al tipo di lavoro, a quello che facciamo nel tempo libero. Il guardaroba capsula non deve toglierci personalità, al contrario deve far emergere il nostro stile. Se a te non piace la gonna nera e la camicia bianca che trovi praticamente in tutte le liste, è ovvio che non devi acquistarli.

Altro errore che si commette è pensare ad un guardaroba capsula che copra l’intero anno. Anche se alcuni capi possono essere gli stessi come ad esempio i jeans, è opportuno creare un guardaroba per le stagioni fredde e uno per quelle calde.

Vantaggi del guardaroba capsula

I vantaggi del guardaroba capsula sono molti e tutti validissimi: in primis si risparmia tantissimo sia in tempo che in denaro. Scegliendo pochi capi e tutti abbinabili tra loro, il tempo per scegliere l’outfit del giorno è ridotto al minimo. Puoi addirittura programmare i vari abbinamenti della settimana e metterli già pronti nella gruccia, compresi di accessori. Avrai un armadio dove tutto sta bene con tutto, non avrai abiti che stanno lì ad occupare spazio e prendere polvere.

Una cosa che puoi fare al momento di scegliere i capi, è capire quali colori ti valorizzano. Avrai già sentito parlare di armocromia, se scopri qual è la tua stagione, potrai poi scegliere i colori più adatti a te. Hai anche l’occasione per fare più attenzione allo stile e ai tagli che più si addicono alla forma del tuo corpo. Seguire la moda pedissequamente, senza tener conto se si ha un fisico a mela , a triangolo o a pera, porta molto spesso ad acquistare un capo che non valorizza le forme. Un abito sbagliato, così come un colore non adatto, non riesce a mettere in risalto i punti forti e non nasconde le piccole imperfezioni.

I benefici quindi non sono da sottovalutare:

  • avrai un tuo stile personale
  • indosserai colori che esaltano il tuo incarnato, i colori dei tuoi capelli e dei tuoi occhi
  • avrai risparmiato denaro
  • risparmierai tempo
  • non avrai l’armadio intasato da abiti che non indossi
  • avrai l’outfit giusto per ogni occasione
abiti primavera

Come comporre il guardaroba capsula

Una volta che avrai individuato i colori e lo stile, dovrai scegliere i capi e gli accessori e individuare le occasioni che potranno capitare durante la stagione. In generale:

  • lavoro
  • tempo libero
  • serate o eventi (cene, feste, teatro, matrimoni…)

Se passi molto tempo a casa, pensa anche a cosa ti fa sentire comoda, a tuo agio e, magari, presentabile in caso di una visita improvvisa.

Per ogni guardaroba bisogna scegliere 30 (c’è chi dice 33) capi.

In linea di massima devono essere presenti:

  • 10 fra maglie, maglioni, top, canotte ecc.
  • 5 capi tra gonne, jeans e pantaloni
  • 3 capi spalla di colori diversi e di diversa pesantezza
  • 5 paia di scarpe: eleganti, sneackers, lavoro e tempo libero

Se esci spesso la sera, vai a teatro, ad eventi o hai dei matrimoni e cerimonie, aggiungi anche abiti eleganti e semplici. Ad esempio, il classico abito nero sarà perfetto in molte occasioni sia per il giorno che per la sera, basterà cambiare accessori per creare look diversi.

Da dove cominciare per creare il guardaroba capsula

Prima di fare acquisti, comincia da quello che hai già, svuota l’armadio. Di sicuro ci sono degli abiti che ti piacciono e ti stanno benissimo. Altri invece sono lì da anni e non ricordi neanche più da quanto tempo non li indossi, comincerei proprio da questi. Se sono almeno 2 o 3 anni che non metti più un abito, raramente questo sarà l’anno in cui lo indosserai. Mettilo da parte, se è ancora buono regalalo, vendilo o dallo in beneficenza. Metti via anche tutti i capi “lo indosserò quando dimagrirò”, lo sai già che non funziona e magari quando sarà il momento non ti piacerà più.

Una volta che avrai scelto gli abiti, vedi quante combinazioni riesci a fare e prova gli outfit cambiando anche accessori e scarpe. Ti stupirai di quanti look diversi riuscirai ad ottenere e ti renderai conto quale capo manca.

Esempio di guardaroba capsula, guarda quanti outfit!

esempio di guardaroba capsula

Approfitta del cambio di stagione

Capisco che svuotare l’armadio, scegliere gli abiti da tenere e quelli da eliminare e provare tutti gli outfit possibili, sia una scocciatura. Approfitta per fare un bel decluttering di abiti e accessori durante il cambio di stagione. Mentre svuoti l’armadio puoi mettere da parte gli abiti che non vuoi più tenere, e puoi fare la stessa selezione mentre lo riempi con i vestiti della stagione entrante.

Leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *